Decreto crisi, Gregorio Fontana (FI): “Dati drammatici dei morti sul lavoro, dal Governo serve più impegno nel contrasto a questo fenomeno e un piano di interventi urgenti”.

Decreto crisi, Gregorio Fontana (FI): “Dati drammatici dei morti sul lavoro, dal Governo serve più impegno nel contrasto a questo fenomeno e un piano di interventi urgenti”.

Il Governo ha accolto un ordine del giorno presentato da Gregorio Fontana, deputato di Forza Italia e Questore della Camera dei Deputati, al DL per la tutela del lavoro e per la risoluzione delle crisi aziendali. Tenuto conto che il provvedimento del Governo si limita a prevedere un piano di assunzioni di 150 ispettori del lavoro a partire dal 2021, Fontana ha dichiarato:

“Il fenomeno delle morti sul lavoro rappresenta un’emergenza allarmante che deve essere affrontata con la massima urgenza. I dati ufficiali segnalano un numero sempre crescente di incidenti. Sulla base dei dati Inail nel corso del 2018 le denunce di infortunio con esito mortale sono state 1.218, contro le 1.148 dell’anno 2017, facendo registrare un aumento del 6% delle ‘morti bianche’ rispetto all’anno precedente. Nei soli primi sette mesi dell’anno in corso la tendenza delle morti sul lavoro risulta ulteriormente in crescita, con 599 denunce presentate, 12 in più rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dell’anno precedente.

Nella sola realtà bergamasca sono 20 i morti sul lavoro nei primi dieci mesi dell’anno e ben 40 lavoratori sono costretti ogni giorno, a causa di infortunio, a ricorrere a cure mediche. Si tratta di numeri gravi e drammatici, pertanto, è necessario che il Governo preveda un piano di interventi urgenti, anche di natura normativa, finalizzato a contrastare il drammatico fenomeno delle morti sui luoghi di lavoro, un fenomeno che può essere contrasto solo con formazione, prevenzione e con l’utilizzo di strumenti di protezione adeguati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *