Alunni col sindaco in Senato per la Giornata del Ricordo.

Alunni col sindaco in Senato per la Giornata del Ricordo.

«Rispettate i vostri genitori, gli insegnanti, le istituzioni. Perché sappiate tradurre il solenne sentimento di rispetto trasmesso dalla celebrazione della Giornata del Ricordo verso chi ogni giorno contribuisce alla vostra crescita umana». I destinatari del messaggio pronunciato dalla senatrice Alessandra Gallone a Palazzo Madama sono gli studenti delle sezioni B e C di terza media dell’ Istituto Comprensivo «Piera Gelpi» di Mapello, volati a Roma in visita didattica in occasione della Giornata del Ricordo. Gli alunni sono stati guidati per i corridoi e le stanze del Senato dalla senatrice Gallone, che nell’ aula ha spiegato ai giovani l’ importanza dello stato di diritto, delle istituzioni e il loro funzionamento, con un messaggio di educazione alla pace. Insieme agli alunni, il sindaco di Mapello Alessandra Locatelli, e la dirigente scolastica Stefania Ambrosini. «Da anni il Comune di Mapello e l’ Istituto comprensivo si impegnano ad onorare e trasmettere agli studenti il valore della Giornata del Ricordo con visite didattiche e iniziative culturali – spiegano -. Per la prima volta siamo a Roma in questa importante occasione, che cogliamo per stimolare nei nostri studenti una riflessione sui valori di tolleranza, solidarietà e cittadinanza consapevole». Le sezioni A e D, invece, voleranno a Roma domani per visitare l’ aula di Montecitorio, accompagnati dall’ onorevole Fabiola Bologna. Tre alunne mapellesi, inoltre, sono state premiate ieri nell’ Aula consiliare di Palazzo Pirelli a Milano nell’ ambito del concorso «Gli altri italiani», istituito da Regione Lombardia in ricordo del martirio giuliano-dalmata-istriano. Le studentesse di 3ªA Aida Locatelli, Chiara Mitiga e Angelica Rota hanno vinto il primo premio nella categoria degli elaborati di gruppo con un’ installazione artistica, realizzata in «collage», rappresentante il Treno della Vergogna. 

Articolo de L’Eco di Bergamo in data 11 febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *