FI: «Unità mobili in centro Ok, ma non solo un mese»

FI: «Unità mobili in centro Ok, ma non solo un mese»

Il trasloco delle Unità mobili, per un mese, dai quartieri ai piazzali della stazione, annunciato sul giornale di ieri dal vice sindaco di Bergamo, Sergio Gandi, raccoglie il favore di Forza Italia. Il partito in opposizione a Palafrizzoni denuncia però dei limiti: «È una risposta che pur tardiva rappresenta un’ iniziativa molto attesa rispetto ai numerosi fatti di cronaca, spesso ingiustamente derubricati a casi isolati e di poco conto, e al generale clima di insicurezza che interessa la stazione – commenta Enzo Lorenzi, vice vicario provinciale e responsabile regionale dipartimento sicurezza e immigrazione di Forza Italia -. Ci lascia perplessi il limite temporale delle misure prese, limitate a un mese di tempo: servono misure stabili, il potenziamento dell’ illuminazione e lo sviluppo di una sinergia vincente con i commercianti, da sempre presidio prezioso del territorio, che restituisca ai cittadini un ritrovato clima di sicurezza». Attacca il consigliere e deputato della Lega, Alberto Ribolla: «Dopo poco tempo il progetto delle unità mobili viene accantonato – scrive in un post su Facebook -. Per come era organizzato, non se ne è vista l’ utilità, visto che la Polizia locale era più intenta a dare multe piuttosto che a garantire sicurezza, e visti gli orari in cui gli agenti erano presenti, in pieno giorno, non propriamente quando si verificano episodi di insicurezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *