Incontro vittime delle foibe ed esodo giuliano-dalmata

Incontro vittime delle foibe ed esodo giuliano-dalmata

Si è svolto oggi l’incontro sul tema delle Foibe, dell’esodo giuliano dalmata e sul Giorno del Ricordo promosso dal Coordinamento Provinciale di Forza Italia. L’incontro ha visto la partecipazione dei parlamentari di Forza Italia Alessandra Gallone, Gregorio Fontana e Maurizio Gasparri, e della preziosa presenza del Presidente Nazionale dell’Associazione Venezia Giulia e Dalmazia Renzo Codarin, della Presidente del comitato di Bergamo Maria Elena Depetroni e della dirigente del Ministero dell’Istruzione Caterina Spezzano.
Un momento di formazione e di testimonianza, su un tema a lungo nascosto e negato, la cui verità è stata ristabilita proprio dall’istituzione del Giorno della Memoria il 10 febbraio, come hanno ricordato Fontana e Gasparri protagonisti nelle aule parlamentari al tempo della sua approvazione. Gregorio Fontana ha ricordato che proprio a Bergamo giunsero 1600 esuli dei 350 mila costretti ad abbandonare le loro terre, accolti dalla comunità bergamasca, con grandi sacrifici riuscirono ad integrarsi portando un importante contributo.
All’incontro hanno partecipato giovani, amministratori responsabili e militanti di Forza Italia di varie province italiane, nel percorso di formazione che Alessandra Gallone, responsabile nazionale della formazione di Forza Italia, sta promuovendo.
Proprio Alessandra Gallone aveva preso parte nella giornata di giovedì alla premiazione al Senato del liceo artistico Manzù di Bergamo nell’ambito del Giorno del Ricordo. “Un modo concreto per testimoniare con gli occhi dei più giovani la memoria di una tragedia che deve tornare a trovare posto nei libri di storia”.
Come hanno ribadito Enzo Lorenzi, vice vicario provinciale di Forza Italia, e Gianluca Iodice, responsabile alla formazione, si tratta di un primo appuntamento di un lungo percorso di formazione tecnica, storica e politica rivolta agli amministratori, ma aperto anche a tutte le persone interessate al funzionamento delle istituzioni e ai valori che animano il movimento di Forza Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *